PRESENTATO A RUOTI IL LIBRO “LO CHIAMAVANO MICHELE DI POTENZA DEL GIORNALISTA SCRITTORE WALTER DE STRADIS

Successo di partecipazione a Ruoti per la presentazione del libro del giornalista e scrittore Walter De Stradis “Lo chiamavano Michele di Potenza” e pubblicato da Villani Editore.

Data:
5 Novembre 2021

Successo di partecipazione a Ruoti per la presentazione del libro del giornalista e scrittore Walter De Stradis “Lo chiamavano Michele di Potenza” e pubblicato da Villani Editore.

Nella suggestiva Sala Belvedere, centralmente ubicata, alla presenza del Sindaco di Ruoti Anna Maria Scalise e dell’editore Franco Villani  l’autore De Stradis ha raccontato la biografia di quello che egli stesso definisce l’unico autentico cantore folk lucano, Michele Mancino, meglio conosciuto come Michele di Potenza e noto, a cavallo tra gli anni sessanta e settanta, come colui che racconta di una  città da caratteri rustici e gioviali ormai perduti.

La presentazione del libro, condotta da Giuseppina Paterna e Francesca Gentilesca è stata organizzata dal Comune di Ruoti in collaborazione con le associazioni locali Radio Ruoti e Gruppo Folk Miss ‘48.

“Aver ospitato a Ruoti la presentazione di questo libro assume un importante significato, sia per la grande e rinnovata stima allo scrittore, sia per l’argomento che il libro stesso tratta, il forte concetto di identità e appartenenza al territorio e alla lingua, a cui anche il nostro territorio ruotese è fortemente legato – dichiara il Sindaco Anna Maria Scalise – Si tratta di un’operazione editoriale e culturale puntuale e ricercata, che si sofferma su un esponente di punta del folklore lucano che ha tenuto viva una tradizione contadina e popolare. Nessuno si era soffermato su Michele da Potenza e su quello che ha rappresentato, benché non ci sia festa popolare, a partire dalla Parata dei Turchi, che non riproponga il suo canzoniere di Michele; Walter De Stradis con la curiosità tipica del giornalista coglie l’opportunità, proprio nel nostro tempo, di ricercare le radici, compiendo un’operazione di grande intelligenza riconoscendo i meriti e il significato sociale che ha avuto Michele di Potenza nel panorama musicale del tempo” – ha concluso il Sindaco.

La serata è stata accompagnata dalle musiche popolari suonate con l’organetto dal grande maestro ruotese Rocco Errichetti.

 

Ultimo aggiornamento

7 Novembre 2021, 13:03